Dalla Corea alla Corea: la fine della storia è la nascita della tragedia

Venticinque anni dopo la fine della storia di Fukuyama è diventata tragedia. Una riflessione sugli ultimi sviluppi geopolitici in Asia.

La rassegna del Caffè Geopolitico del 7 luglio 2017 conteneva, tra tanti spunti interessanti, un articolo di Foreign Policy dal titolo “The end of history is the birth of tragedy”, veramente stimolante per una riflessione un po’ fuori dalle righe, che si intreccia con quella fatta recentemente sulla lista dei dieci regimi più sanguinari della Storia. Ed ecco quindi l’occasione per una contestualizzazione storica dell’attuale situazione geopolitica in Asia, che, se vorrete seguirci, continueremo a monitorare anche nei prossimi mesi

1. LE TRAGEDIE CHE FANNO LA STORIA – Anche noi del caffè abbiamo cercato, in questa estate bollente, di prendere seriamente le tragedie, come gli antichi greci. Ci siamo riuniti, come loro, nelle nostre agorà, le pagine web, per ricordare le vicende che hanno fatto la storia, cercando, nel passato, le chiavi per aprire il futuro, perché il destino della società, oggi come nel V secolo avanti Cristo, era ed è nelle mani di uomini fallibili e per questo il mondo intero sta sempre ad un passo dall’abisso. Di questo baratro abbiamo letto in numerosi articoli, come quello recentemente pubblicato da Foreign Policy, e il tema offre diversi spunti di riflessione sul ruolo globale giocato dagli USA che, per 70 anni, hanno costruito e difeso l’ordine mondiale, baluardo della democrazia e poi, quale unica superpotenza superstite, mantenendo la pace internazionale per un altro quarto di secolo. Negli ultimi tempi, però, l’America è andata perdendo progressivamente ruolo e funzioni, e l’ordine internazionale da essa protetto, fiaccato da terrorismo, guerre e crisi economiche, ha cominciato inesorabilmente a sfaldarsi. A nostro avviso si tratta di un processo iniziato addirittura subito dopo la seconda guerra mondiale, quando il sogno americano, che non è mai stato privo di contraddizioni e di errori, si è allontanato dai suoi ideali originali per abbracciare piano piano bieche logiche spartitorie, malattie ogni giorno più gravi, delle quali abbiamo trascurato, tanti anni fa, i sintomi e che, oggi, ci sembrano incurabili. Per questo ci troviamo a combattere con dittatori folli, che lanciano missili con testate nucleari come fossero aquiloni, e di fronte al pericolo incombente, che sorvola le acque del Pacifico, non solo non scorgiamo il senso della tragedia, ma nemmeno ci spaventiamo più di tanto. Tutte le rotture dell’ordine, bene o male (più male che bene) costruito nel secondo dopoguerra, hanno lacerato i sogni e le speranze di pace.

Fig. 1 – Segnali stradali allusivi alla situazione geopolitica internazionale

2. UN PRESENTE ANODINO – Molti rimproverano oggi agli Stati Uniti una forma grave di amnesia riguardo ai tragici insegnamenti del passato e agli altri players internazionali l’incapacità di gestire le sempre più profonde conflittualità che, dopo decenni di latenza, sono esplose in rivoli di conflitti multidimensionali e multisettoriali. Attenzione a banalizzare la storia, a buttare benzina sulle scintille di un fuoco (come accadde tra Sparta ed Atene, tra cattolici e protestanti, e in Europa dopo le due guerre mondiali) che può ridurre in cenere imperi e civiltà. Forse non basta più contenere i conflitti nei limiti locali perché tale sistema nel mondo globalizzato non funziona più. I nostri padri hanno combattuto per dei valori cui oggi nessuno crede più, in quanto percepiti come validi solo per alcuni e non per tutti. La storia si ripete, a partire da Atene, patria di una democrazia non veramente democratica, cioè non aperta agli schiavi e alle donne, per finire a Guantanamo, dove l’America post-guerra fredda ha perduto la sua aurea morale. E lo stesso discorso vale per i coreani, dei quali il mondo sapeva poco; per i vietnamiti, di cui il mondo ha saputo tutto; per i tibetani, di cui il mondo fa finta di non sapere; per gli iracheni, invasi per le armi di distruzione di massa mai trovate; e per gli afghani, armati prima contro gli invasori sovietici, poi dimenticati per anni e infine bombardati in nome della lotta al terrorismo e dei diritti umani.

Fig. 2 – Filo spinato a Guantanamo: un simbolo del declino del sogno americano

3. UN FUTURO LIQUIDO O SOLIDO? – L’America è cambiata: non appartiene più agli americani, e come durante gli anni della cortina di ferro, così oggi nuovi muri si stanno alzando e nuove ombre stanno calando, generando diverse ansietà. Il problema di fondo non è, secondo noi, stato centrato: i think tank continuano a veicolare molti impegni, soprattutto quelli fuori dall’Europa, come opera di diffusione dei valori democratici, ma troppe contraddizioni fanno perdere alla democrazia il suo “aroma”. Forse sono stati evitati conflitti più grandi, come in Corea e nel Vietnam, ma ad un prezzo troppo alto, che ha sradicato speranze e tolto significato a quei valori che si volevano tutelare.  La “vigilanza” americana era l’onere per una pace duratura, ma da questo impegno la nuova amministrazione Trump si sta svincolando, come cento anni fa, e ne conosciamo i risultati. D’altro canto non si può non ammirare, e quindi gelosamente difendere, quella libertà che ci permette oggi di rileggere gli errori passati, senza timori e senza prigioni.

Fig. 3 – Cartello stradale in cui si evoca il sogno cinese definendolo “il mio sogno”

Tutti questi dubbi, conservati  in tante note dissonanti,….. continua a leggere sul Caffé Geopolitico:

Sorgente: Dalla Corea alla Corea: la fine della storia è la nascita della tragedia

Annunci

Informazioni su auroraborealeorientale.wordpress.com

I am a Doctor in Political Sciences, I like writing about Chinese history, language, culture, state theory, Legal chinese system, geopolitics and so on .... I love also writing about Life and dreams
Questa voce è stata pubblicata in frammenti di Cina, Schegge di geopolitica e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...