Frammenti di viaggi/ 2° parte Fragranze di Piazza Djemaa el Fna

I raggi del sole, che svegliano la Medina di Marrakesh, filtrano dalle leggere vele di lino, che fungono da soffitto nelle case nell’Africa Occidentale, destano anche noi, illuminando l’arazzo di lana, appeso vicino al comodino, i cui disegni geometrici di un viola intenso incorniciano figure color ametista che si confondono con lo sfondo glicine chiaro di una trama di lana ruvida e spessa. Sposto la tenda che fa da corona al letto e mi siedo sui tanti cuscini di lucida seta per contemplare questa stanza, che comunque rimane in semi-penombra, chiusa da una porta di legno di cedro intarsiato, coi pannelli torniti a mano, bloccata con una piccola statua di fine metallo che utilizziamo per fermare il chiavistello di ferro perché non esistono badge elettronici né chiavi e nemmeno lucchetti nel nostro Riad…

Il mistero che avvolge Marrakesh si riflette negli edifici tradizionali, impronte di una vetustà passata, retaggio di una storia gloriosa, parte integrante di ogni Medina, che ritmavano la vita delle donne del posto, che non uscivano, non facevano vita pubblica e non conoscevano balconi o finestre ma solo cortili e terrazze interne, dove, senza essere viste, lavoravano all’aperto ma al riparo dal terribile vento del deserto, dalle polveri e dal caldo dell’Africa. In questi cortili di pochi metri quadrati si passava e ripassava, per tutta una vita.

Mentre i pensieri si rincorrono una dolce fragranza invade il patio quadrato che funge da sala da pranzo…è pronta la colazione!  Ci sediamo intorno ad un tavolino di marmo naturale, mentre un’abile ragazza, con un morbido velo che incornicia il volto ed i capelli, versa acqua bollente in una teiera di latta finemente lavorata, dopo pochi minuti butta quell’acqua e versa di nuovo acqua bollente sopra il tè, privato così della “teina di testa”, e  fa scivolare da un lungo e fine beccuccio, come da una fontana, un rivolo di bevanda che va esattamente a cadere in un bicchierino di vetro decorato, riempito con un rametto di menta (che a volte viene messo direttamente nella teiera). Il tè del bicchierino viene nuovamente versato nella teiera e poi, finalmente, è pronto per noi, mentre si spande un denso profumo: questo è il whisky berbero.

Questo rito, che vedremo ripetersi ogni giorno in ogni occasione, nei negozi e persino nei suk, ritma le giornate di questo popolo. E’ incredibile per noi, che viviamo sempre di corsa, di corsa compriamo, di corsa corriamo poterci fermare con loro. Questo è stato l’aspetto più bello di questo viaggio: sospendere il tempo. Entrare in un negozio a comprare, accomodarsi dopo inviti più che pressanti, trattare tranquilli un prezzo che finisce per diventare almeno metà di quello richiesto, e sorseggiare un bicchierino di tè, lasciarsi incantare dai mille colori, dai morbidi tessuti, dagli aromi fragranti del cibo e intensi delle pelli, pensando a cosa succederebbe in via del Corso a Roma a Natale se si facesse così….

Persa in questi pensieri mi sorprende un vassoio intarsiato nel quale sono adagiate le crêpes “M’semen”, praticamente delle omelette da assaggiare con miele di cactus e formaggio fresco, insieme alla Beghrir, una specie di frittella di farina di semola, di forma quadrata e dall’aspetto spugnoso, croccante fuori e morbida dentro, che si gusta con marmellata di fichi o di datteri. E poi la Bayd, omelette col cumino, e una crostata di marmellata, mandorle e miele.

Questi dolci sono accompagnati da un lungo caffè, che ricorda l’orzo, con un bricchetto di latte, gustoso e saporito. Ma non c’è in Marocco colazione che si rispetti senza una densa spremuta d’arancia, la stessa che troverete da tutti i venditori ambulanti di acqua ed in tutti i locali, origine delle diarree del viaggiatore per l’acqua miscelata col succo, che non corrisponde del tutto, forse per nulla, ai nostri criteri di purezza microbiologica.

Saziati da queste delizie, usciamo infilandoci nel cuore della città vecchia, la Medina, un luogo dove il tempo non conta, mentre il sole ed il caldo ci avvolgono pian piano.. Ci incamminiamo incantati da un’atmosfera esotica e cosmopolita, credendo, cartina alla mano, di trovare la strada. Macché! Giriamo a destra, a sinistra, ci addentriamo nei labirinti di vie senza nomi, che si intersecano e incrociano; le mappe non riescono a guidarci, mentre finiamo nei suk (souq o souk), i mercatini caratteristici dei paesi dell’Oriente musulmano e dell’Africa settentrionale, in cui si concentrano le bancarelle ed i negozi, più o meno divisi per mercanzie e per venditori, arabi, berberi e anche  ebrei. Ci fermiamo a guardare vassoi, teiere, abat-jour, sedie, tavolini, oggetti in ferro battuto; tocchiamo di sfuggita la morbidezza delle pashmine, mentre possiamo osservare anche i diversi  processi di lavorazione di questi prodotti: tessitori, colorai, conciatori, donne che annodano tappeti, che non si può non acquistare. E poi l’effluvio dell’infinita quantità di erbe e spezie,  per cucinare, per profumare, e persino per guarire. Ammaliati, incuriositi, attratti e distratti dalla magia di una città diversamente caotica, mentre lo smarrimento ci costringe a guardare anzi ad entrare in un mondo molto lontano… c’è sempre chi strilla, chi insegue, chi per forza ti vuole condurre alla piazza, ma se gli dai retta rischi di girare in tondo per ore, come in un labirinto senza uscita. E attenzione! Ti chiederanno sempre soldi e non ti accompagneranno mai dove vuoi veramente! Non date retta a nessuno e tirate dritti!

Dopo qualche tempo (ma era un percorso di dieci minuti) riusciamo a vedere, lasciato alle spalle l’ultimo suk, il minareto della Moschea più grande di Marrakech, la Koutoubia, costruita poco prima del 1200 d. C. dalla dinastia berbera degli almohadi, di cui riflette la sobrietà e l’austerità. La raggiungiamo guidati dall’eco del canto del muezzin che chiama, per 5 volte al giorno, alla preghiera, e ci soffermiamo ad ammirare gli archi intrecciati, le maioliche verdi e azzurre, e le pitture: ogni lato del minareto diverso,  ma non possiamo entrare a visitare i loro luoghi di culto, proprio noi italiani, che ci preoccupiamo di costruire Moschee sul nostro suolo, proprio a noi sono interdetti tutti gli ingressi.

Ma in diritto internazionale vigeva il principio della reciprocità: ma dov’è???

Un po’ adirati, un po’ dispiaciuti, ci immergiamo nei caldi giardini che circondano la Koutobia e poi pranziamo in un locale carino, dall’igiene incerta, ma non indaghiamo, per carità!, che ci offre un antipasto di delicato paté di olive insieme ad una salsa di pomodoro piccante, da accompagnare con il tradizionale pane tondo e piatto dal retrogusto di semola, decorato col sesamo, cui segue  il piatto tipico marocchino, composto da carne di pollo o di bovino o di agnello, o di pesce, mescolata ad un’apoteosi di verdure speziate, il Tajine.  La pietanza, che contiene un po’ di tutto, si presenta in un coccio bollente, di terracotta, a volte smaltata e decorata, con un coperchio a forma conica, per mantenere il calore…altro che thermos! Appena tolgo la copertura si diffonde un aroma di zafferano, coriandolo e cannella… Il pasto si conclude coi dolci, dolcissimi, di pasta di mandorla, il più diffuso a forma di mezzaluna, il kaab el ghazal oppure con lo yogurth: quello al pistacchio mi ha letteralmente incantata.

Durante il pasto un sistema di irrigazione ci spruzza acqua profumata: impregnati di questi aromi e rinfrescati ci incamminiamo di nuovo e finalmente la troviamo la “piazza”, anzi la “place” così la chiamano tutti, immensa, variopinta, particolarissima, un vero e proprio teatro a cielo aperto, dove si esibiscono cantastorie, incantatori di serpenti, cartomanti, disegnatori. E’ la piazza Djemaa el Fna, patrimonio orale e immateriale dell’umanità.

 

«Lo spettacolo di Jamaa el Fna viene ripetuto quotidianamente e ogni giorno è differente. Tutto cambia – le voci, i suoni, i gesti, il pubblico che vede, ascolta, odora, assaggia, tocca. La tradizione orale è incorniciata da una molto più vasta – che noi possiamo chiamare intangibile. La piazza, come spazio fisico, protegge una ricca tradizione orale e intangibile.» (Juan Goytisolo 15 maggio 2001)

 

Percorriamo la piazza in lungo e in largo, mentre lentamente si riempie di gente che viene e che va, su biciclette e motorini, calessi e carretti, una marea di ragazzini, occidentali accaldati, donne poco o molto velate che si infilano in modo caotico tra chioschi di venditori di acqua e spremute di arancia ed esperti di tatuaggi all’hennè, mentre gruppi di incantatori cercano di tenere in un cerchio i loro serpenti, altri giocano con le scimmie, mentre dentisti  e venditori di mercanzie si confondono con quelli dei suk che tracimano fin dentro la piazza.

Saliamo su una terrazza di un bar, ci sediamo stremati su una sedia che ci sembra un miraggio e a fatica guadagniamo, dopo un’oretta, quella più esterna che ci permette l’affaccio: il caos del viavai del giorno piano piano si trasforma in un grandissimo ristorante di fronte ad un immenso teatro… Mentre il sole tramonta, schizzando con i suoi raggi le mura della piazza ed i tetti delle case della città che appare più rossa che mai, una fila interminabile di carretti si ferma  nel centro mentre ognuno comincia a montare con perizia e velocità il suo stand…decine e decine di marocchini urlanti si affaticano a sistemare panche, tavoli, pentoloni sui quali cuocere il cibo, esposto per la scelta. I fuochi vengono accesi mentre gli ultimi raggi del sole, che si sta addormentando dietro il minareto, confluiscono in un’unica nube di fumo. Questi ristoranti ogni sera, per ogni giorno dell’anno, vengono allestiti su questa piazza.

Stupefatti ed estasiati scendiamo per assaggiare il cibo che dall’alto sembra tanto invitante, mentre ogni ristoratore ci chiama, ci tira, qualcuno prova anche a trascinarci sul suo territorio, contraddistinto da un numero. Finalmente ci sediamo su queste panche strette, appoggiandoci a un tavolo traballante e scegliamo: melenzane, peperoni, zucchine e molte altre verdure, che vengono fritte o servite crude, tagliate minuziosamente in gustose quanto pericolose (almeno per noi europei) insalate miste; pesce fritto fresco e croccante; carne di ogni tipo, speziata e profumata, cotta alla griglia, e proposta nei piatti infilzata con spiedoni incandescenti. E come non assaggiare anche il cous cous che sembra racchiudere tutta l’intensità dei sapori del Maghreb. Alla fine del pasto viene sempre offerto il dolce ed aromatico tè alla menta.

Dopo cena un ultimo giro nell’immenso spazio aperto di questa piazza ci regala il grande, fantastico spettacolo della cultura marocchina contemporanea: artisti, cantastorie, giocolieri, contorsionisti, ballerini, che indossano gli antichi costumi e che danzano senza sosta fino a notte inoltrata.  Questa musica che risuona da antichi strumenti e seduce ancora le nuove generazioni, si va spegnendo man mano che ci inoltriamo, con un po’ di paura, nel buio dei vicoli tra i quali, a fatica, ritroviamo il silenzio del nostro Riad.

IMG_1881.JPG

IMG_1883.JPG

Annunci

Informazioni su auroraborealeorientale.wordpress.com

I am a Doctor in Political Sciences, I like writing about Chinese history, language, culture, state theory, Legal chinese system, geopolitics and so on .... I love also writing about Life and dreams
Questa voce è stata pubblicata in Frammenti di viaggi/ e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...